La Corea Del Nord elude le Sanzioni con i Bitcoin ?

Risultati immagini per bitcoin north korea
DI YUJI NAKAMURA E SAM KIM


La Corea del Nord sembra intensificare i suoi sforzi per cautelarsi con bitcoin e altre cripto-valute, che potrebbero essere usate per evitare  le nuove sanzioni commerciali approvate dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
Secondo un nuovo rapporto del security researcher  FireEye Inc,  alcuni Hacker del regime di Kim Jong  stanno portando numerosi attacchi ai siti utilizzati dalla Corea del Sud per gli scambi fatti in cripto-valute e sono anche entrati in un sito web di Bitcoin – in lingua inglese  – impossessandosi dei pagamenti in bitcoin fatti dalle vittime di tutto il mondo, del malware WannaCry,
L’apparente interesse di Kim per le criptovalute arriva mentre salgono i loro prezzi e la loro popolarità. Gli stessi fattori che lo hanno spinto verso il successo – mancanza di controllo da parte degli Stati  e segretezza –  sarebbero utili strumenti per il fund raising  e  il riciclaggio di denaro,  anche per un uomo che minaccia l’uso di armi nucleari contro gli Stati Uniti. Con sanzioni più severe e aumento dell’uso di criptovalute, gli  esperti della sicurezza dicono che la Corea del Nord vedrà aumentare l’utilizzo del  denaro digitale.
“Sicuramente vediamo in queste sanzioni una leva importante perché la Corea del Nord si orienti verso questo tipo di attività”, ha detto  Luke McNamara, un ricercatore della FireEye e autore del rapporto. “Probabilmente  in questa attività vede  una soluzione che costa poco e che frutta denaro da investire.”
Il Consiglio di Sicurezza dei 15, lunedì scorso,  ha approvato le sanzioni  che devono punire la Corea del Nord per i suoi ultimi missili e per i test nucleari.  Gli americani hanno dichiarato che queste nuove misure dovrebbero ridurre le esportazioni tessili del paese del 90%, riducendo la  sua capacità di ricevere crediti.
Fino ad oggi, in quest’ultimo anno, la FireEye ha confermato attacchi su almeno tre scambi sudcoreani, tra cui uno – a maggio – ha avuto successo. Nello stesso periodo, i media locali hanno riferito che il principale mercato dei cambi di Seoul,  Yapizon,  ha perso più di 3.800 bitcoins ( circa 15 milioni di dollari al cambio attuale) per un furto, anche se – secondo FireEye – che non è evidente nessun coinvolgimento nordcoreano.
Il Ministero delle Telecomunicazioni della Corea del Nord non ha risposto a una e-mail che chiedeva commenti. Diplomatici e media ufficiali del paese hanno negato che il paese abbia svolto un qualsiasi ruolo nei ciber-attacchi, compreso l’hacking di Sony Pictures Entertainment nel 2014.



La Corea del Nord gestisce quello che la Corea del Sud crede sia un esercito di hacker che ha spostato la sua attenzione dallo spionaggio militare al furto in campo finanziario. L’Ufficio Reconnaissance General Bureau del regime, risponde direttamente a Kim Jong Un e  tratta dalle operazioni di crimine-cibernetico  in tempo di pace, allo spionaggio,  alle interruzioni di rete ed impiega circa 6000 persone, come risulta da  un rapporto del 2016 del Centro Internazionale di Cyber Policy presso l’Australian Strategic Policy Institute.
Nei recenti attacchi, la Corea del Sud potrebbe essere diventata un buon obiettivo non solo per la sua vicinanza a Pyongyang e per la lingua condivisa, ma anche perché, quest’anno, il paese è diventato uno dei centri di negoziazione più attivi con le cripto-valute . Il Bithumb di Seul, è il punto di scambio più grande del mondo per gli scambi  ethereum. A giugno, sembra che gli hacker abbiano rubato informazioni sui clienti dal computer di un dipendente, senza che gli attaccanti siano stati identificati.
“Se arrivano più soldi per gli scambi in cripto-valuta, più persone comprano bitcoin e ethereum, e questi scambi diventano, sempre più , obiettivo di questo gruppo”, ha affermato McNamara. Ha anche detto che finora non ha nessuna prova che il regime di Kim Jong Un  abbia avuto interesse per scambi di cripto-valute al di fuori della Corea del Sud , ma non esclude niente per il futuro.
Oltre a queste operazioni sugli scambi, la FireEye ha dichiarato che un sito web – in lingua inglese – che riporta notizie sui bitcoin  è stato violato dalla Corea del Nord,  cosa che probabilmente permetterà agli hacker di identificare i visitatori del sito, che non ha voluto nominare, dichiarando di credere che la Corea del Nord preferisca orientarsi verso obiettivi più grandi rispetto a piccoli proprietari di criptovalute.
L’azienda  aveva già detto di aver trovato una connessione tra Pyongyang e l’attacco di WannaCry di maggio e giugno scorsi, quando furono colpiti più di 300.000 computer in tutto il mondo. McNamara ha detto di avere segnali su hacker nordcoreani che si stanno impegnando nella ricerca di dati sulle cripto-valute.

Nessun commento

Partecipa alla discussione

BREAKING

BREAKING
TUTTE LE NEWS DI INFORMAZIONE CONSAPEVOLE
Powered by Blogger.